Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Post Type Selectors
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Il Sistema CNA Grosseto
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Perchè associarsi
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

Ecobonus e simsa bonus: misura utile, ma serve l’intervento degli istituti di credito

Ecobonus e simsa bonus: misura utile, ma serve l’intervento degli istituti di credito
Share

Credito di imposta fino al 110 per centro per interventi di riqualificazione energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici e di colonnine di ricarica per i veicoli elettrici. Lo prevede il cosiddetto decreto “Rilancio”, che detta anche le regole per poter accedere al beneficio.
“Una misura – commenta Anna Rita Bramerini, diretto di CNA Grosseto – pensata per incentivare gli interventi di questo tipo e rilanciare alcuni comparti economici messi a dura prova dall’emergenza coronavirus. Purtroppo, però, questo intervento che va a favore dei consumatori e delle imprese del settore, non è altrettanto efficace per le imprese artigiane, soprattutto per quelle piccole. Così come è impostata, infatti, se non interverranno le banche con prodotti retail la misura rischia di andare a favore delle grandi aziende”. Sì, perché il credito di imposta sarà di fatto, nella maggior parte dei casi, uno sconto in fattura, che non corrisponderà quindi a una immissione di liquidità per le imprese che eseguono il lavoro, in un momento in cui avere disponibilità di denaro sarebbe molto importante; il cliente, infatti, potrà  cedere il credito fiscale anche a banche ed intermediari, ma sicuramente la scelta più semplice sarà cederlo alle ditte stesse. Il credito, poi, potrà essere recuperato in cinque rate. “La nostra associazione – commenta Mauro Sellari, vice presidente di CNA Grosseto e coordinatore nazionale dei serramentisti di CNA – da tempo si batte contro questa modalità di erogazione dei contributi, che in qualche modo altera il mercato: le piccole imprese, infatti, potrebbero non essere in grado di eseguire i lavori, anticipare le spese per i materiali e recuperare poi, in diversi anni, la somma investita come credito di imposta, ma il legislatore non ha accolto le nostre istanze. Plaudiamo all’idea, ma in un momento come quello che stiamo vivendo, in cui per l’emergenza Covid, molte imprese sono di fatto ferme da marzo, sarebbe stato importante avere immissione di liquidità”. Proprio per questo, a tutti i livelli, Cna è al lavoro per trovare nelle banche degli alleati: “In modo – aggiunge Sellari – che gli istituti di credito possano aiutare le imprese creando prodotti specifici per facilitare la cessione del credito”. Accordi di questo tipo, poi, comportano comunque costi per l’impresa o per il cliente finale e quindi si rischia che il recupero di imposta effettivo non sia del 110 per cento ma corrisponda ad una percentuale minore.

Altro elemento di criticità sono in tempi in cui sarà attiva la misura: “Si può fare ricorso a questo strumento – aggiunge Anna Rita Bramerini – dal 1 luglio fino al 31 dicembre dell’anno. Questo significa che, in attesa dei decreti attuativi, se non arriveranno risposte da parte delle banche, i lavoro partiranno tra alcuni mesi”. Senza contare che gli interventi, per rientrare tra quelli previsti in questa misura, devono avere caratteristiche ben precise. “I tempi lunghi di attuazione della misura stanno determinando un blocco delle commesse, visto che molti dei clienti potenzialmente interessati che avevano già intenzione di procedere a lavori di ristrutturazione si sono fermati in attesa di capire come effettivamente la misura funzionerà e questo sta comportando ulteriore mancanza di liquidità alle imprese già colpite dal lockdown. La nostra associazione – conclude Bramerini  – sta lavorando a una misura specifica per facilitare il ricorso agli incentivi, mettendo a disposizione consulenze specifiche per gli artigiani”.




Pubblicato da: CNAGROSSETO.IT

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it