Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Post Type Selectors
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Il Sistema CNA Grosseto
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Perchè associarsi
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

Dopo i carrozzieri a rischio i manutentori di impianti

Share

 il comunicato

Non c’è pace per le imprese (quasi non bastasse la crisi):
     dopo i carrozzieri, a rischio anche i manutentori
 

 La crisi non è l’unico problema con cui l’impresa deve fare i conti.
Se riduzione del carico fiscale, semplificazione burocratica, promozione e accesso al credito si confermano come i punti cardine su cui si gioca il futuro, non sono da trascurare gli attacchi alla piccola impresa a cui anche il Governo, in alcuni casi, sembra prestarsi.
Si è cominciato con i carrozzieri, scesi in piazza nei giorni scorsi e tutt’ora mobilitati per contrastare il cedimento alla lobby delle compagnie assicuratrici e ora è la volta dei manutentori “ terzi responsabili “ degli impianti termici.
Anche in questo caso l’obiettivo è sembrato essere duplice: togliere agli artigiani (anche) la gestione di alcuni impianti termici e ai consumatori, la possibilità di scegliere il fornitore di fiducia.
Risultato: rischiano l’espulsione dal mercato quasi 45mila imprese in Italia e alcune centinaia nella nostra provincia.

All’origine del problema, l’obbligo di delegare la manutenzione e i controlli di sicurezza degli impianti solo alle imprese dotate di personalità giuridica (Srl, Spa).
Una scelta che escluderebbe, incomprensibilmente, tutte le ditte individuali e le società di persone (Snc e Sas) che da anni, con competenza e professionalità, garantiscono, da “ terzi responsabili, il buon funzionamento degli impianti.
Una decisione del tutto illegittima – tanto che la CNA ha investito del problema anche l’Antitrust –.
A giudizio dell’Associazione il decreto “Destinazione Italia” dovrà eliminare questa assurdità per consentire, a tutti gli artigiani abilitati, di continuare ad operare sugli impianti termici senza distinzione alcuna e, soprattutto, senza nessuna forma di discriminazione (la Cassazione ha assimilato l’impresa individuale alla persona giuridica specificando che ogni interpretazione diversa comporterebbe una ingiusta disparità di trattamento).
Numerosi parlamentari hanno raccolto l’appello della CNA, presentando in maniera “bipartisan” un emendamento al decreto finalizzata proprio alla modifica della norma.
Un primo risultato in tal senso è  stato raggiunto proprio oggi: le commissioni Attività produttive e Finanze della Camera hanno infatti approvato l’emendamento suggerito da CNA  riconoscendo agli artigiani la facoltà di gestire gli impianti termici.
Una vittoria degli impiantisti e soprattutto dei consumatori; questi ultimi, infatti, rischiavano di non poter più scegliere l’artigiano di fiducia.
La CNA vigilerà affinché l’iter di conversione del decreto non riservi ulteriori sorprese, e per fare in modo che questa scelta risulti confermata

A decimare le imprese artigiane, del resto, ha già provveduto la crisi.
In Toscana, nel 2013, si è registrato un “calo demografico” di 2.837 imprese artigiane; meno 138 il saldo della provincia di Grosseto.
Se alla fine del 2012 si contavano 114.135 attive in Toscana e 6.172 a Grosseto, al 31 dicembre 2013 le imprese toscane erano ridotte a 111.298 e quelle locali a 6.034 (dati Movimprese).
Il cosiddetto calo demografico però, essendo rappresentato dalla differenza tra le imprese iscritte e quelle cessate “sottostima” la mortalità effettiva.
In valori assoluti, infatti, il numero delle imprese cessate alla fine del 2013 in provincia è pari a 535 (e non è detto che sia finita. Il trend delle cessazioni, abitualmente, interessa l’intero mese di gennaio).
Nel 2013, in Toscana, hanno chiuso i battenti quasi 8 imprese artigiane ogni giorno (2.837:365=7,77); a Grosseto una ogni due giorni e mezzo.
Per offrire la dimensione reale del fenomeno, serve ricordare che le imprese artigiane  toscane, nel 2007, erano 118.826 e che in provincia di Grosseto l’Albo sfiorava quota 6.500.
La crisi, di conseguenza, ha messo al tappeto in regione più di 7.500 artigiani, con la perdita di circa  22 mila posti di lavoro.

Renzo Alessandri
Direttore CNA Grosseto

 

F.I.A.D.A.: Aiuti Alle imprese

Share

Il Fondo Integrazione Assistenza Dipendenti Artigianato, stanzia per l’anno 2014 € 100.000 a fondo perduto mettendoli a disposizione delle imprese iscritte al fondo per interventi nel campo della sicurezza sul lavoro.

Continue Reading

Galleria dell’Artigianato edizione 2014

Share

Al via il nuovo bando per le imprese dell'artigianato artistico della Toscana per partecipare alla selezione della Galleria dell’Artigianato edizione 2014. Unioncamere Toscana, nell'ambito delle sue finalità volte alla valorizzazione dell’artigianato artistico di eccellenza, promuove il progetto “Galleria dell’Artigianato”, in collaborazione con CNA Toscana, Confartigianato Imprese Toscana e realizzato da Artex.

Continue Reading

Disciplina dei ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Share

Dal primo gennaio 2013 è entrata in vigore una nuova normativa (Dlgs 192/2012) contenente disposizioni volte a contrastare il fenomeno dei ritardi dei pagamenti tra imprese. CNA ritiene utile verificare come essa viene applicata, se ha inciso sulle  abitudini di pagamento nelle relazioni commerciali e se è necessario sollecitare controlli e correttivi sulla sua applicazione. Per questo motivo è stato predisposto un questionario sul tema , da sottoporre agli associati.

 

Continue Reading

 

Continue Reading

Progetto NextLevel 2014

Share

Al via il progetto NextLevel 2013-14: “Allenare lo spirito di iniziativa e l’imprenditorialità”  un ATELIER DI ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI IV e V DELLE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO organizzato da CNA Grosseto in collaborazione con l'Associazione L'Altra Città. 

per maggiori informazioni
 

Continue Reading

208° Festa dei Falegnami di Castel Del Piano

Share

Il prossimo 23 gennaio – come da tradizione – si svolgerà la Festa dei Falegnami di Castel Del Piano, una  tradizione che si tramanda pressoche’ ininterrottamente da 208 anni.

Continue Reading

Tredicesimo Rapporto “TREND”  1° semestre 2013

Tredicesimo Rapporto “TREND” 1° semestre 2013

Share
 
L’ARTIGIANATO MAREMMANO NON ESCE DAL TUNNEL DELLA CRISI
LA MAGGIOR PARTE DEGLI INDICATORI (RETRIBUZIONI COMPRESE) PRESENTA UN SEGNO NEGATIVO
all’INASPETTATO “RIMBALZO” delle  COSTRUZIONI, si CONTRAPPONE la DIFFICOLTA’ di TUTTI gli ALTRI SETTORI
 
L'approfondimento

Continue Reading

CNA Grosseto: Assemblea Annuale convocata in seduta pubblica.

Share

Sabato 18 Gennaio 2014 alle ore 10,30 presso la Sala Conferenze dell'Associazione (via Birmania 96, Grosseto) è convocata l'assemblea annuale in seduta pubblica. Dopo l'intevento del Presidente Riccardo Breda e la presentazione dei dirigenti neo eletti, saranno illustrati i dati relativi all'andamento dell'economia in ambito regionale e provinciale, così come rilevati dal 13° Rapporto "Trend" relativo al 1° semestre 2013. Perteciperà il Presidente di CNA Toscana Walter Tamburini.

Continue Reading

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it