Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Post Type Selectors
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Il Sistema CNA Grosseto
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Perchè associarsi
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

Esteso il credito di imposta per le spese di gas ed energia

Esteso il credito di imposta per le spese di gas ed energia
Share

Il decreto “Aiuti ter” in fase di pubblicazione in gazzetta ufficiale, prevede un’estensione dei crediti di imposta per le imprese, un rafforzamento del loro ammontare e un ampliamento della platea dei beneficiari.

I crediti di imposta per l’energia – introdotti con i decreti “Ucraina” e “Aiuti”, e integrati con il decreto “Aiuti bis” – prevedono un credito d’imposta a favore delle imprese per fornire un aiuto concreto in conseguenza ai rincari subiti nelle forniture di energia elettrica e gas.

Sono previsti aiuti sia per le aziende cosiddette “energivore” (si tratta di aziende che hanno consumi notevoli) che per le imprese non energivore.

Per le imprese non energivore è riconosciuto, per l’energia elettrica, un credito di imposta del 15% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica, effettivamente acquistata e usata nel secondo trimestre del 2022.

Il decreto “Aiuti ter” riduce il requisito della potenza impegnata del contatore per l’accesso al bonus fiscale a compensazione dell’acquisto della componente energetica effettivamente utilizzata ad ottobre e novembre 2022, per le imprese non energivore.

Per accedere al credito d’imposta – che viene anche raddoppiato, passando in questo caso dal 15% al 30% – sui costi della fornitura di energia elettrica, il requisito di accesso si abbassa, ammettendo al beneficio fiscale anche le piccole imprese e gli esercenti che hanno una potenza disponibile del contatore da 4,5 kW, mentre prima la soglia minima era appunto quella di un’utenza non residenziale da 16,5 kW.

Analoga agevolazione è presente per il gas, con lo stesso schema: imprese “gasivore” e non gasivore; per queste ultime e purché abbiano subito un aumento del costo del gas superiore al 30%, il credito di imposta è del 25% per il solo secondo trimestre 2022, delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata (il decreto “Aiuti ter” innalza il credito di imposta al 40% sul perido ottobre-novembre 2022).

Il credito di imposta può essere portato in detrazione entro il 31 dicembre 2022 per i crediti del secondo e terzo trimestre (per quelli di ottobre e novembre si attende il testo del decreto pubblicato).

Si sottolinea, inoltre, che in fase di conversione del DL Semplificazione è stato a cancellato il vincolo del de minimis per le imprese che beneficiano dei crediti d’imposta contro il caro bollette. Per ulteriori dettagli sull’accessibilità alla misura è possibile contattare il proprio consulente fiscale.

Per effetto di disposizioni normative è stata data la possibilità alle imprese che non hanno cambiato, dal 2019 ad oggi, il venditore da cui acquistano energia e/o gas, di richiedere (entro 60 giorni dalla scadenza del periodo per il quale spetta l’agevolazione) al proprio fornitore il calcolo gratuito del credito di imposta spettante. Per i crediti del 2° trimestre questa scadenza era il 29 agosto 2022.

Tuttavia, anche a causa del periodo estivo, non tutte le imprese sono riuscite a rispettare tale scadenza, rischiando di perdere quindi questa possibilità.

Alla luce di tali difficoltà, CNA ha fatto il punto della situazione con alcuni principali operatori e ha avuto conferma della loro disponibilità ad accettare le richieste pervenute anche oltre il termine previsto, cercando di accelerare le richieste.

In particolare:

  • Enel: nel caso di Enel energia (Mercato libero), le richieste vanno indirizzate all’indirizzo email servizio.clienti.enelenergia@pec.enel.it indicando nell’oggetto “Credito di imposta” ed inserendo la richiesta ed i dati del codice fiscale e della partita Iva dell’azienda e compilando l’apposito modulo disponibile nella sezione “Modulistica” del sito di Enel energia;
  • Nel caso di Servizio elettronico nazionale (Mercato tutelato), il modulo non è previsto e sarà sufficiente inoltrare la richiesta all’indirizzo Pec servizio.clienti@pec.servizioelettriconazionale.it, avente come oggetto “Credito di imposta”, esplicitando la richiesta di calcolo ed indicando il codice fiscale, la partita Iva e i dati identificativi della fornitura relativa all’azienda richiedente (numero di presa, Pod, numero cliente);
  • Eni: nel caso di Eni Plenitude le richieste da parte delle imprese dovranno essere indirizzate al seguente indirizzo Pec: adempimenti@pec.eniplenitude.com;
  • Sorgenia: le richieste dovranno essere inviate all’indirizzo customercare@sorgenia.it.

Per tutti i fornitori in generale è possibile inviare la PEC con la seguente dicitura: richiesta calcolo “Credito di imposta”, ed indicando il codice fiscale, la partita Iva e i dati identificativi della fornitura relativa all’azienda richiedente (numero cliente).

Per il calcolo del credito di imposta spettante nel 3° trimestre dovrà essere inviata una ulteriore richiesta PEC analoga alla precedente indicando il periodo per il quale si richiede il calcolo, entro il 30 novembre 2022.




Pubblicato da: CNAGROSSETO.IT

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it