Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Post Type Selectors
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Il Sistema CNA Grosseto
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Perchè associarsi
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

Caro-energia: per sostenere le Pmi è necessario valutare l’impatto sui costi totali

Caro-energia: per sostenere le Pmi è necessario valutare l’impatto sui costi totali
Share

Il costo dell’energia, se non si corre ai ripari, avrà un effetto devastante sui conti di molte aziende. Lo sottolinea, dati alla mano, una ricerca del centro studi di CNA nazionale, che ha indagato la situazione di migliaia di piccole e medie imprese italiane. “I costi che le Pmi italiane sostengono per l’energia – spiega Anna Rita Bramerini, direttore di CNA Grosseto – rappresentano da tempo un problema: da anni la nostra associazione denuncia il fatto che queste si trovano nelle fasce di consumo più basse, proprio dove si annidano i maggiori costi per unità energetica consumata, fino al quadruplo rispetto alle fasce più elevate. Con le nuove tariffe la situazione è diventata insostenibile e quindi occorre rivedere il concetto di ‘azienda ad alta intensità energetica’ e sostituirlo con quello di ‘aziende ad alta spesa energetica’”.

Secondo CNA, infatti, a fare da discrimine non dovrebbero essere i consumi di energia legati alla produzione, quanto l’impatto che questi hanno sui costi totali. “Perché solo un sistema di aiuti basato su questo indicatore consentirebbe di sostenere le imprese che sono energivore ‘in senso relativo’”, precisa Bramerini. La diversa classificazione, per chiarire, renderebbe evidente come le aziende “strutturalmente energivore” non sono quelle normalmente classificate “ad alta intensità energetica” e quindi non si tratta solo di quelle produttrici, ad esempio, di acciaio, carta, cemento, vetro, ma anche quelle in cui il costo dell’energia pesa, appunto sul costo totale: tinto-lavanderie, piccoli produttori del comparto alimentare o servizi di riparazione, come le carrozzerie, per citarne alcune.

L’indagine di CNA conferma quello che tanti imprenditori denunciano: ovvero che i costi, nei primi 8 mesi del 2022 sono triplicati rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’incidenza dei costi energetici oscilla tra il 5 e il 15 per cento, in pratica il doppio rispetto al 2021.

“La situazione fotografata – continua Bramerini – è potenzialmente devastante: perché se nel 2021 le aziende a rischio chiusura per i costi dell’energia erano il 6,8 per cento di quelle intervistate, questa cifra oggi si aggira intorno al 13,6 per cento. Inoltre, il 21 per cento delle Pmi annuncia delle riduzioni importanti nella produzione e la maggior parte delle imprese vedrà una ridotta liquidità”.
A questo si aggiungono altre conseguenze che andranno ad incidere sulle famiglie: “I maggiori costi, a lungo andare, si trasleranno sui listini prezzi – puntualizza Bramerini -; molte aziende dovranno ricorrere agli ammortizzatori sociali, con una spesa per le casse dello Stato decisamente più alta; si ridurranno gli investimenti e la propensione imprenditoriale”.

Per evitarlo sono possibili una serie di azioni da attuare subito: “Al price cap del prezzo del gas, che va posto a livello sovranazionale – conclude il direttore di CNA Grosseto – si possono affiancare altre risposte”. Come il mantenimento e il rafforzamento dei crediti di imposta sui maggiori costi dell’elettricità e del gas, una rateizzazione accessibile su richiesta, un sostegno all’autoproduzione di energia. Misure che si dovrebbero affiancare, secondo CNA, a una riforma della bolletta, con l’estrazione almeno parziale degli oneri di sistema, del mercato elettrico e del gas per favorire meccanismi più efficaci di formazione del prezzo e garantire maggiore liquidità alle imprese, all’incentivazione delle forme di energia rinnovabili, valorizzando adeguatamente anche l’energia prodotta dai piccoli impianti e immessa nella rete.




Pubblicato da: CNAGROSSETO.IT

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it