Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Il Sistema CNA Grosseto
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Perchè associarsi
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

Nuovo decreto sul Green pass, una guida sintetica

Nuovo decreto sul Green pass, una guida sintetica
Share

Con il nuovo decreto legge approvato del Governo cambiano le regole sull’applicazione del Green pass. Con questa guida sintetica cerchiamo di riassumere le principali novità.

ENTRATA IN VIGORE DEL DECRETO LEGGE N.1/2022
La norma è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 7 gennaio 2022 ed è entrata in vigore il giorno successivo, ossia l’8 gennaio 2022.

CHI HA L’OBBLIGO DI VACCINARSI
Tutti i cittadini italiani e i cittadini di altri stati membri dell’Unione Europea residenti in Italia, che hanno compiuto o compiranno, entro il 15 giugno 2022, 50 anni di età.

ENTRO QUANDO I SOGGETTI CON PIU’ DI 50 ANNI DEVONO VACCINARSI E COSA SUCCEDE SE NON SI RISPETTA L’OBBLIGO
A partire dall’8 gennaio 2022 e fino al 15 giugno 2022.
Per chi, entro il 1° febbraio 2022 non abbiano iniziato il ciclo vaccinale (prima dose) o dopo il 1° febbraio 2022 non abbiano completato il ciclo (second dose) o non abbiano effettuato il richiamo entro i termini di validità del green pass, è prevista una sanzione pecuniaria di 100 euro.

CHI EMETTE LA SANZIONE
La sanzione è irrogata dal Ministero della Salute tramite dell’Agenzia delle Entrate, a seguito del procedimento amministrativo previsto dal decreto.
A partire dal 15 febbraio 2022 si aggiungono ai precedenti lavoratori obbligati al vaccino (personale sanitario, personale scolastico, forze dell’ordine e lavoratori delle Rsa) anche il personale universitario senza limiti di età.

QUALE GREEN PASS SERVE PER ANDARE A LAVORARE
A partire dal 15 febbraio servirà il green pass rafforzato per tutti i lavoratori pubblici e privati con più di 50 anni. Sarà sufficiente il base per chi ha meno di 50 anni.

A COSA SERVE IL GREEN PASS BASE
Salvo nuove disposizioni, serve per andare a lavorare per chi ha meno di 50 anni.
Inoltre, dal 20 gennaio 2022 e fino alla cessazione dello stato di emergenza (31 Marzo 2022) per accedere ai servizi alla persona (parrucchieri, barbieri, estetisti, ecc.) e per colloqui e visite in presenza con detenuti ed internati all’interno di istituti penitenziari per adulti e minori.
Dal 1° febbraio 2022 e fino alla cessazione dello stato di emergenza (31 marzo 2022) per accedere a pubblici uffici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali (fatte salve quelle necessarie per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona, individuate con apposito dpcm che verrà emesso entro quindici giorni a decorrere dall’8 gennaio).

LE SANZIONI PER IL LAVORATORI SENZA GREEN PASS
I lavoratori soggetti all’obbligo vaccinale che non abbiano il green pass rafforzato o che vengano trovati sprovvisti al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro saranno considerati assenti ingiustificati senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del posto di lavoro fino alla presentazione del green pass rafforzato e comunque non oltre il 15 giugno 2022. Per i giorni di assenza ingiustificata non sarà dovuto lo stipendio né alcun altro trattamento economico.
Fino al 15 giugno 2022 i datori di lavoro (indipendentemente dalla dimensione occupazionale) dopo 5 giorni di assenza ingiustificata, possono sospendere i lavoratori per tutta la durata del contratto di lavoro stipulato per la sostituzione, comunque, per un periodo non superiore a dieci giorni lavorativi, rinnovabili fino al 15 giugno 2022.
È vietato l’accesso dei lavoratori ai luoghi di lavoro in violazione dell’obbligo di vaccinazione. La violazione è punita con una sanzione amministrativa da euro 600 a euro 1.500.




Pubblicato da: CNAGROSSETO.IT

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it