Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Il Sistema CNA Grosseto
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

Rimborsi per i dpi: “Sbagliato assegnarli solo in base a un click”

Rimborsi per i dpi: “Sbagliato assegnarli solo in base a un click”
Share

“Il bando Invitalia per il rimborso dei dispositivi di protezione individuale è un’altra beffa ai danni delle imprese”. Anna Rita Bramerini, direttore di CNA Grosseto commenta così quanto segnalato da molti associati. Qualche settimana fa, infatti, Invitalia, l’agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa, aveva pubblicato un bando per fare domanda di rimborso delle spese sostenute per acquistare i dpi necessari per contenere la diffusione del Covid-19. “Il rimborso annunciato poteva essere concesso fino al 100 per cento delle spese ammissibili e fino a esaurimento della dotazione finanziaria disponibile. Quello che non è stato chiaro è che, per poter avere diritto al rimborso, si doveva partecipare a una sorta di click day: le domande dovevano essere presentate dall’11 al 18 maggio, ma chi ha presentato domanda nell’ultimo giorno disponibile dopo le 9 del mattino è stato automaticamente estromesso”, spiega Bramerini.

“Di nuovo, quindi, si sono create delle aspettative negli imprenditori, già pesantemente penalizzati dalla crisi in atto, che sono state disattese. E questo è inaccettabile, soprattutto perché in molte zone della provincia il digital divide è ancora evidente, senza dimenticare che alcune aziende, sperando di vedersi riconosciuta l’agevolazione, hanno anche anticipato il pagamento delle spese rendicontabili, in un periodo di scarsa liquidità”. “La cifra stanziata da Invitalia era di 50 milioni di euro – precisa Bramerini – ed è chiaro che non poteva rispondere alla richieste di tutti i piccoli imprenditori, ma si poteva creare una graduatoria basata su altri criteri, non sulla velocità dell’imprenditore di effettuare un click in rete”.




Pubblicato da: CNAGROSSETO.IT

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it