Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Il Sistema CNA Grosseto
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

Misure di sicurezza: ordinanza regionale a misura di artigiani e piccole imprese

Misure di sicurezza: ordinanza regionale a misura di artigiani e piccole imprese
Share

Ridotti obblighi e responsabilità a carico del datore di lavoro con l’ordinanza regionale per ripartire in sicurezza negli ambienti di lavoro. CNA Toscana ha partecipato al tavolo di confronto tra Regione Toscana, categorie economiche e parti sociali puntando alla semplificazione delle misure per il contenimento del contagio. Il risultato del lavoro di CNA Toscana è una serie di regole a misura di artigiani e piccole imprese che potranno procedere alla sanificazione anche con semplice acqua e varechina autodichiarando la pulizia dei locali aziendali, ricorrere ad acqua e sapone per la detersione delle mani, prevedere divisori solo in mancanza della distanza di sicurezza. Nel caso non si riesca a garantire la distanza di 1,8 mt fra ciascuna postazione di lavoro potranno essere installati dei pannelli o le mascherine FFP2. Se queste non si trovano potranno essere sostituite con due chirurgiche. L’utilizzo dei guanti monouso non sarà obbligatorio.

Interventi di agevole attuazione e con alternative sostenibili in caso di difficoltà di approvvigionamento di dispositivi di sicurezza: un risultato sollecitato a gran voce da tutti i settori per non appesantire la fase 2 dal punto di vista organizzativo ed economico, oltreché sul piano delle responsabilità in capo al datore di lavoro.

Adesso, con queste linee guida sulla sicurezza, da applicare in maniera rigorosa, si apriranno tavoli con specialisti di CNA e delle altre associazioni per definire i protocolli di sicurezza dei diversi comparti produttivi e di servizio.

Al centro del confronto anche il preliminare di “patto di responsabilità per la sicurezza e la ripresa” sottoscritto da Regione, CNA Toscana, forze sociali, Anci e Upi, si rifà al patto per lo sviluppo del luglio 2009 con l’obiettivo di gestire l’exit strategy in materia condivisa ed in tempi brevi, partendo da una piattaforma regionale sulla sicurezza che consente ai territori (province o aree vaste) di intervenire secondo la specificità produttiva, in una logica di distretto.

Definito questo importante passaggio, il governatore Enrico Rossi ha inviato una lettera al premier Giuseppe Conte per richiedere la riapertura delle attività produttive della Regione, a tutela della competitività del sistema imprenditoriale regionale. L’obiettivo è quello di far riaprire tutte le imprese partendo immediatamente da quelle a maggior tasso di concorrenza.​




Pubblicato da: CNAGROSSETO.IT

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it