Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Il Sistema CNA Grosseto
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

Coronavirus, interventi e strumenti straordinari per il credito e il sostegno alle imprese

Coronavirus, interventi e strumenti straordinari per il credito e il sostegno alle imprese
Share

A seguito delle difficoltà conseguenti all’emergenza coronavirus, CNA si è fatta promotrice di interventi straordinari a sostegno delle imprese. Ecco, di seguito, gli interventi in essere allo stato attuale e resi possibili in virtù dell’azione svolta da CNA a livello nazionale e toscano.

La moratoria e le misure nazionali

La moratoria sui finanziamenti alle Pmi danneggiate dalle conseguenze della diffusione del Covid-19 viene estesa ai prestiti fino al 31 gennaio 2020. Lo prevede un addendum all’accordo 2019 siglato dall’Associazione Bancaria Italiana con le associazioni di rappresentanza delle imprese, che prolunga così la possibilità di chiedere la sospensione o l’allungamento dei prestiti.

La sospensione del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti può essere chiesta fino a un anno ed è applicabile alle operazioni a medio lungo termine, anche perfezionate tramite il rilascio di cambiali agrarie e alle operazioni di leasing. In quest’ultimo caso, la sospensione riguarda la quota capitale implicita dei canoni di leasing.

Quanto all’allungamento dei prestiti, invece, viene stabilito che l’estensione della durata del finanziamento può arrivare fino al 100% della durata residua dell’ammortamento.

È inoltre previsto che le banche, ove possibile, possano applicare misure di maggior favore per le imprese rispetto a quelle messe nero su bianco nell’accordo stesso e nel quale si auspica, comunque, che le procedure di istruttoria siano accelerate, per assicurare la massima tempestività nella risposta.

L’addendum all’Accordo per il credito 2019 è stato firmato dall’ABI con CNA e con le altre associazioni di categoria.

L’ABI e le associazioni delle imprese firmatarie si impegnano a promuovere, presso le autorità europee e nazionali, una modifica delle attuali disposizioni di vigilanza riguardo le moratorie (forbearance), necessaria in una situazione emergenziale, come quella di oggi.

Gli strumenti regionali

La Regione Toscana ha attivato interventi per favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese, nello specifico:

Sezione Speciale Regione Toscana del Fondo di Garanzia. L’attivazione di tale sezione, effettuata dalla Regione Toscana, permette l’incremento della garanzia dei Confidi o altri soggetti garanti fino all’80% su tutte le operazioni finanziarie concesse ai soggetti beneficiari (si tratta di operazioni di finanziamento a medio lungo termine e richiesta di affidamenti a breve termine) con controgaranzia del Medio Credito pari al 100% della garanzia (cosiddetta ponderazione zero).
Voucher Garanzia. La Regione Toscana mette a disposizione del cliente un contributo in conto capitale (a fondo perduto) per abbattimento del costo dell’operazione di garanzia nella misura dell’1% del finanziamento garantito con un massimo di € 5.000 a beneficiario, da calcolarsi anche su più operazioni.
Fondo regionale di garanzia. Il fondo concede garanzie ad accesso diretto da rilasciare a quelle imprese che, pur non avendo i requisiti per poter accedere alla sezione speciale del Fondo centrale di garanzia, hanno però i requisiti di solidità aziendale sufficienti per poter accedere a garanzie affidabili. Il fondo attualmente è previsto per sostenere le imprese in operazioni di investimento e di capitale circolante non controgarantibili e per i consolidamenti bancari.

Artigiancredito e il Piccolo Credito

Artigiancredito ha definito la nuova operatività ricondotta all’erogazione in forma diretta del Piccolo Credito. Tale strumento nasce in questo complicato momento dopo una forte azione politica esercitata dalla CNA che da anni, in più occasioni, ha rimarcato la necessità di trovare soluzioni alternative al sistema bancario per sostenere e supportare le piccole e piccolissime imprese. Tale strumento riveste una grande valenza strategica e finalizzato a liquidità, investimenti, avvio di nuove attività e per capitale circolante fino a 25.000 euro con rimborso da 36 a 60 mesi ed un preammortamento fino a 6 mesi. Il tasso è fisso e varia in base al rating dell’azienda.

Artigiancassa

Artigiancassa, insieme a CNA, mette a disposizione delle aziende linee di credito dedicate, per rispondere all’eventuale momentanea carenza di liquidità derivante dall’attuale situazione.

In questo complicato contesto Artigiancassa vuole offrire alle imprese in difficoltà uno sportello di consulenza allargata, dove l’imprenditore potrà esprimere le sue esigenze agli specialisti con i quali individuare gli strumenti più adeguati tra quelli previsti dai decreti emanati e l’offerta della Banca. Lo sportello sfrutterà la tecnologia della Banca per entrare in contatto in modo virtuale con l’imprenditore che non dovrà spostarsi fisicamente.

Nel caso di chi è già cliente con finanziamento in bonis e qualora la certificazione della Banca dovesse evidenziare la necessità di un intervento di liquidità, l’importo residuo verrebbe sommato al debito attuale con un nuovo intervento di medio termine con 6 mesi di preammortamento, con garanzia privata/pubblica.

Per chi è nuovo cliente, medio termine con 6 mesi di preammortamento oppure finanziamento con garanzie private o pubbliche nel caso in cui sussistano i requisiti.

L’importo massimo finanziabile per liquidità non potrà essere maggiore di 50.000 euro.

Il processo si attiva attraverso l’Artigiancassa Point, presente negli uffici CNA, che si occuperà di veicolare ai clienti associati una comunicazione (newsletter, video, social, altro) per illustrare l’iniziativa corredandola di un form di contatto online. Il cliente interessato compilerà il form e lo restituirà in automatico ad una casella mail dedicata e indirizzata al centro Artigiancassa. L’esperto del centro, ricevuta la mail, effettuerà le analisi necessarie dopodiché contatterà il cliente per fissare una video intervista e proporre la migliore soluzione. L’Artigiancassa point CNA si occuperà infine di gestire la definizione della richiesta.

Per sostenere le imprese e limitare gli spostamenti, l’intero processo Artigiancassa è full digital e non necessita, se il cliente lo ritiene, di recarsi presso la sede o l’Artigiancassa Point per completare l’operazione. L’associazione sarà comunque sempre allineata e coinvolta nelle decisioni.

Per informazioni e supporto tecnico in merito a tutte le misure, rivolgersi al proprio consulente CNA o all’ufficio più vicino che si farà carico di attivare il personale specializzato di FINART CNA.

Ricordiamo che gli uffici di CNA Grosseto sono chiusi al pubblico e ricevono solo su appuntamento, per esigenze particolari. Il personale però è a disposizione e possono essere contattati Luca Storai allo 0564 471206, l.storai@cna-gr.it e Giacomo Pianelli allo 0564 471204, g.pianelli@cna-gr.it




Pubblicato da: CNAGROSSETO.IT

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it