Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Il Sistema CNA Grosseto
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

Denaro contante: nuovi limiti

Denaro contante: nuovi limiti
Share

Con una nota pubblicata sul sito dell’Unità di informazione finanziaria, la Banca d’Italia ha comunicato importanti novità sul limite dei movimenti di denaro contante. I soggetti interessati (le banche, Poste Italiane S.p.A., gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica) avranno l’obbligo di inviare non solo comunicazione non solo all’Unità di informazione finanziaria, ma anche all’Agenzia delle Entrate. L’obiettivo è quello di rendere più stringenti i controlli sui movimenti di denaro contante  fatti sia attraverso bancomat,  Postamat, sia direttamente allo sportello.

L’obbligo partirà a regime dal 1 ottobre 2019:  banche, istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica dovranno inviare ogni mese le comunicazioni relative ad ogni movimentazione di denaro contante.

L’obbligo, come detto, riguarderà  gli istituti di credito presenti in Italia quindi tutti i cittadini e le attività produttive che effettueranno movimenti di denaro contante. Si vogliono così smascherare quei cittadini che utilizzano i contanti per fini illegali e contrastare il riciclaggio e altre attività illecite. Nelle comunicazioni che verranno inviate saranno incluse la data dell’operazione, l’importo, la causale, la filiale, i dati identificativi del cliente. Ciò consentirà di avere uno storico completo dei movimenti in contanti e valutare se sono congruenti con le dichiarazioni reddituali dei contribuenti (di questo si occuperà anche l’Agenzia delle Entrate).

I soggetti interessati dovranno inviare segnalazioni riguardanti prelievi oltre i 10.000 euro, ma i controlli saranno molto più stringenti: gli istituti di credito dovranno segnalare anche i movimenti oltre i 1.000 euro nel caso in cui la somma mensile ecceda la soglia dei 10.000 euro. In questo modo, le autorità di controllo bancario e fiscale potranno controllare se qualcuno ha provato ad aggirare il limite spezzettando la somma in quantità di denaro più piccole.




Pubblicato da: CNAGROSSETO.IT

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it