Generic selectors
Cerca risultato esatto
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Filter by Categories
Ambiente e Sicurezza
ASSOCIARSI A CNA
CAF Imprese CNA
Chi siamo
CNA Alimentare
CNA Artistico Tradizionale
CNA Balneatori
CNA Benessere e Sanità
CNA Comunicazione e Terziario avanzato
CNA Costruzioni
CNA Federmoda
CNA FITA
CNA Installazione e Impianti
CNA Pensionati
CNA Produzione
CNA Professioni
CNA Servizi alla Comunità
CNA Servizi Cooperativa
CNA Toscana Informa
CNA Turismo e Commercio
CNAServizi_Slider
Contributi
Convenzioni CNA
Costituzione di impresa
Credito
Fiscale/Tributario
Formazione
Giovani Imprenditori
IL MONDO CNA
Impresa Donna
L'ASSOCIAZIONE
L'INFORMAZIONE DI CNA
News
News informativa CNA
NewsOld
news_home
Organismi Dirigenti
Organismi territoriali
Patronato EPASA-ITACO
Previdenza-Assistenza-Consulenza del lavoro
RAGGRUPPAMENTI E COMITATI
Senza categoria
SERVIZI
SNO-CNA
UNIONI DI MESTIERE

AMBIENTE: LE SCADENZE DEL 30 APRILE

AMBIENTE: LE SCADENZE DEL 30 APRILE
Share

La fine di aprile porta una serie di scadenze da rispettare in tema di ambiente e sicurezza.  C’è tempo fino al 30 aprile, infatti, per presentare il MUD, il modello unico di dichiarazione ambientale. E quest’anno la dichiarazione deve essere redatta su un nuovo modello, da inviare tramite posta elettronica certificata.
Dopo 3 anni consecutivi del precedente modello, introdotto nel dicembre 2014 ed a seguito della proroga del SISTRI, entro la data del 30 aprile 2018 dovrà essere presentato con il nuovo tipo di dichiarazione. Tra le principali novità introdotte con il nuovo modello, l’obbligatorietà dell’invio in forma telematica o tramite PEC della “comunicazione rifiuti” in forma semplificata e della “comunicazione rifiuti urbani”.
Ulteriore novità riguarda la “scheda autorizzazioni” della sezione anagrafica, più articolata rispetto al passato e obbligatoria per tutti gli impianti autorizzati alla gestione dei rifiuti.

Sempre il 30 aprile è la data ultima per versare la quota annuale per l‘iscrizione a SISTRI, il sistema di controllo e tracciabilità del rifiuti, per le imprese con più di dieci dipendenti che gestiscono rifiuti pericolosi.  Con la legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017 n.205), in vigore dal 1 gennaio 2018 è arrivata anche la proroga al 1 gennaio 2019 per la piena entrata in vigore del SISTRI. Resta valido, invece, l’obbligo di adesione e di pagamento della quota annuale per i soggetti obbligati entro il 30 aprile 2018.
In concreto, viene esteso anche al 2018 il periodo transitorio del “doppio binario” durante il quale continuano ad applicarsi i tradizionali adempimenti e obblighi della tracciabilità dei rifiuti (formulari di identificazione dei rifiuti, registri di carico e scarico e MUD).
Il Ministero dell’Ambiente emanerà un proprio decreto che fisserà le procedure per richiedere il pagamento del contributo Sistri a coloro i quali non hanno provveduto al versamento della quota negli anni passati. Prima di procedere alla riscossione coattiva, ci sarà una prima comunicazione con sollecito di pagamento.

Anche il versamento per il diritto di iscrizione all‘Albo dei gestori ambientali deve essere effettuato entro la fine del mese da parte delle imprese che sono iscritte al registro. Tutte e imprese e gli enti che, per la oro attività ed alle tipologie di rifiuti gestite, sono iscritte all’Albo dei gestori ambientali, devono versare la quota annuale per l’iscrizione in base a ciascuna categoria di appartenenza entro 30 aprile 2018. La scadenza non vale per gli operatori che si sono iscritti nel corso del 2018 e che, quindi, hanno già versato il contributo.
Il pagamento può essere effettuato solo accedendo nell’area riservata all’impresa, all’interno del sito ufficiale dell’Albo nazionale gestori ambientali. selezionando la voce “Login Imprese”. Per accedere all’area riservata occorre accreditarsi, successivamente si deve scegliere la sezione “diritti” nella quale si trova il dettaglio degli importi dovuti per l’annualità e si può scegliere la modalità di pagamento telematico.
Il mancato pagamento del diritto annuo nei termini previsti comporta la sospensione d’ufficio dall’Albo, che permane fino a quando non venga data prova dell’effettuazione del pagamento. Inoltre durante il periodo di sospensione l’impresa non può svolgere l’attività di trasporto rifiuti. Le iscrizioni che risultano sospese da oltre un anno senza aver regolarizzato i pagamenti vengono cancellate d’ufficio senza ulteriori comunicazioni.

Anche la dichiarazione annuale COV e il piano gestione solventi devono essere presentati con la stessa scadenza dai titolari di autorizzazioni alle emissioni in atmosfera.

Vanno rendicontati entro il 30 aprile anche i volumi RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) gestiti dagli impianti di trattamento autorizzati. Come previsto dall’art. 34 del D.Lgs 49/2014 entro il 30 aprile 2018 è necessario rendicontare al centro di Coordinamento RAEE i volumi gestiti dagli impianti di trattamento nell’anno 2017. La comunicazione dei RAEE può avvenire nell’area riservata del portale www.cdcraee.it

CNA Ambiente & Sicurezza è a disposizione per informazioni e assistenza: tel. 0564 471217 – r.santini@cna-gr.it

 

 




Pubblicato da: CNAGROSSETO.IT

CNA Associazione Territoriale di Grosseto

Via Birmania, 96
58100 Grosseto (GR) - Italia
Codice fiscale
80004920536

Tel. 0564 4711 - Fax 0564 457393

e-mail: associazione@cna-gr.it